Il Distico

Notizie in un tweet – commenti in un post

Rimborsopoli, richieste di rinvio a giudizio. Esclusi dall’elenco solo Mazzeo e Restaino

(Il Quotidiano) – Le loro giustificazioni non sono bastate, e da ieri mattina in 34 tra consiglieri e assessori “esterni”, in carica ed ex, sono imputati davanti al gup di Potenza. Tutti tranne due di quelli che a maggio avevano ricevuto l’avviso di conclusione delle indagini: Enrico Mazzeo (Mdl) ed Erminio Restaino (Pd).

Con la firma sulla richiesta di rinvio a giudizio dei pm Sergio Marotta e Francesco Basentini da meno di 24 ore il processo per la rimborsopoli lucana può dirsi tecnicamente iniziato. Nei prossimi giorni il fascicolo sarà assegnato al giudice competente per l’udienza preliminare e verrà fissata la data per la prima comparsa in aula. Dopodiché partiranno le comunicazioni per le parti in causa.
A difendersi dalle accuse di falso e peculato saranno 22 consiglieri in carica, tra cui l’intero ufficio di presidenza del parlamentino lucano e la giunta regionale con l’aggiunta dell’unico assessore esterno. Gli altri hanno già lasciato le stanze di via Verrastro al termine della scorsa legislatura, o più di recente come nel caso di Rosa Mastrosimone (Idv) e Vincenzo Viti (Pd), dimissionari dopo gli arresti di marzo proprio nell’ambito dell’inchiesta sui rimborsi. Con loro era finito ai domiciliari anche l’allora capogruppo Pdl Nicola Pagliuca, per cui il gip in un secondo momento avrebbe optato per un più blando obbligo di dimora lontano dal capoluogo di regione. Stessa misura, quest’ultima, adottata anche nei confronti di Antonio Autilio (Idv), Paolo Castelluccio (Pdl), Agatino Mancusi (Udc), Alessandro Singetta (Misto), Mario Pici (Pdl) – il solo per cui sarebbe stata revocata per un ripensamento sull’esistenza dei gravi indizi di colpevolezza – , Mario Venezia (FdI) e Rocco Vita (Psi), più un ex come Vincenzo Ruggiero (Udc). Mentre per Franco Mollica (Udc) e altri quattro consiglieri della scorsa legislatura è stato disposto il sequestro sui conti corrente delle somme contestate.
Oltre ai 16 destinatari dell’ordinanza, disposta solo per chi è accusato di di essersi intascato in maniera indebita di oltre 5mila euro, ci sono quelli a cui vengono contestate somme inferiori come il presidente della giunta regionale Vito De Filippo (Pd) e gli assessori Nicola Benedetto (Idv), Luca Braia (Pd), Roberto Falotico (Udc), Marcello Pittella (Pd) e l’“esterno” Attilio Martorano. O ancora il presidente del Consiglio Vincenzo Santochirico (Pd), e i consiglieri Giuseppe Dalessandro (Pd), Antonio Di Sanza (Pd), Franco Mattia (Pdl), Michele Napoli (Pdl), Pasquale Robortella (Pd), Luigi Scaglione (Pu) e Gennaro Straziuso (Pd). Infine gli ex onorevoli lucani: Pasquale Di Lorenzo (Fli), l’attuale presidente dell’Ater di Matera Innocenzo Loguercio (Psi), l’ex assessore Vilma Mazzocco (Cd), Giacomo Nardiello (Pdci), l’attuale presidente dell’Asi di Potenza Donato Salvatore (Psi) e Antonio Tisci (Pdl).
Fonte:
http://www.ilquotidianodellabasilicata.it/news/potenza/714946/Rimborsopoli–richieste-di-rinvio-a.html

image

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 luglio 2013 da in Politica con tag , , , , , , , , , , .

Il Distico on Twitter

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

Post per argomenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: