Il Distico

Notizie in un tweet – commenti in un post

Acqua ‘salata’. Acquedotto lucano deve rimborsare

Tutto inizia nel 2003, quando arrivano le prime bollette di Acquedotto lucano “sulla base di criteri meramente presuntivi e non commisurate all’effettivo consumo di acqua potabile” con importi di gran lunga superiori a quelli che i cittadini di Sasso di Castalda, cittadina in provincia di Potenza, erano soliti pagare quando gestione del servizio idrico era affidata ai comuni. “I numerosi tentativi, dell’allora sindaco Giuseppe Rotundo e del comitato spontaneo dei cittadini- fanno sapere in una nota i cittadini a cui è stato riconosciuto il rimborso- nel voler discutere e risolvere la questione in modo civile, sia con AL che con AATO, non sono mai stati nemmeno considerati dai nuovi addetti alla gestione del bene comune”.
Fonte:
http://basilicata.basilicata24.it/cronaca/somme-dovute-ad-acquedotto-lucano-cittadino-spuntano-9208.php

image

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 luglio 2013 da in Cronaca con tag , , , , , .

Il Distico on Twitter

Post per argomenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: